Pitti Bimbo: sempre più focus su ricerca e lifestyle

Sono state presentate oggi a Milano le novità dell’edizione numero 87 di Pitti Bimbo, che si svolgerà alla Fortezza da Basso di Firenze dal 21 al 23 giugno. Previsti circa 10.000 visitatori e 5.300 buyer (questi i numeri della scorsa edizione estiva), che nelle 11 sezioni in cui si articola il percorso espositivo potranno conoscere le 557 collezioni presenti, di cui il 65% provenienti dall’estero, la percentuale più alta di tutti i saloni di Pitti Immagine. Tra i principali Paesi esteri di riferimento: Russia, Cina, Spagna, Germania, Olanda, Regno Unito, Francia, Ucraina, Belgio e Turchia.


“Per quest’edizione avremo 146 nuove aziende”, ha commentato Raffaello Napoleone, AD di Pitti Immagine, nel corso della conferenza stampa. “C’è un grande ricambio soprattutto tra i brand più giovani e questo è positivo, perché i compratori possono trovare molte novità ad ogni stagione”. Tra i nomi nuovi e i rientri importanti da segnalare: Alberta Ferretti, Bikkenbergs, Custo Barcelona, Daniele Alessandrini, GCDS e Paciotti 4Us.
 
Un’edizione sotto il segno del colore, P.O.P. Pitti Optical Power è infatti il tema dei saloni estivi, in cui è ancora più in evidenza il focus che la manifestazione sta riservando al mondo lifestyle dedicato al bambino, come sottolineato da Agostino Poletto, Direttore Generale di Pitti Immagine: “Circa il 15% delle aziende presenti a Pitti Bimbo, per un totale di 125 marchi, propongono oggetti di design, giochi, gadget tecnologici. In queste stagioni la manifestazione è cambiata, è diventata più trasversale e parla al mondo del bambino in modo più ampio. Le sezioni dedicate al lifestyle, Fancy Room ed Editorials, stanno crescendo e funzionando molto bene”.

Raffaello Napoleone alla conferenza stampa di presentazione di Pitti Bimbo - Photo: Elena Passeri - FashionNetwork.com
 
Grande attenzione anche nei confronti della ricerca e dei marchi impegnati nella sperimentazione di forme, materiali e modalità di presentazione, riuniti nella sezione KidzFIZZ al Padiglione Medici e agli Archivi. Tra i nomi nuovi e i rientri di questa edizione: A Little Lovely Company, Age To Come Apparel, Agneau, Ancient Greek Sandals, Annice For Kids, B O O - L A B, Bebe Organic, Blade And Rose, Blune Paris, Deux Ans De Vacances, Efvva Hand Painted Kids Wear, Hilda .Henri, Illytrilly, Jaq Jaq Bird, Lea & Jojo, Lison Paris, Louise Misha, Milk & Biscuits, Mimi & Lula, Miss L.Ray, Plumebleu, Potette, Submarine, Sunchild, Unsigned, Vineetrahul.
 
Ancora ricerca, ma con un mood più street e sport, nella sezione Activelab, lanciata lo scorso gennaio, che al Cavaniglia Studio presenterà una selezione di brand internazionali che fanno ricerca nello sportswear, nell’urban e nell’activewear: Bangbang Copenhagen Aps, Barn of Monkeys, Carlijnq, Cribstar, Gardner and the Gang, Gro, Iglo+Indi, It’s in my Jeans, Jooseph's, Kids and The Gang, Kinderkind, Kukukid, Loud Apparel, Maisonnoee Kids, Mousse Kids, Oji, Sproet & Sprout, Tiba + Marl, Two in a Castle. Novità di questa edizione, una speciale performance-installazione alla Sala della Ronda darà visibilità a una selezione di brand.
 
Non solo Fortezza, però: come di consueto, saranno numerosissimi gli eventi e le iniziative messe in campo dai brand che coinvolgeranno l’intera città di Firenze, come evidenziato da Poletto: “Anche quest’anno saranno molti i marchi del childrenswear che, oltre ad essere presenti alla Fortezza da Basso, hanno deciso di organizzare eventi e iniziative anche in città; ciò è frutto del lavoro portato avanti negli anni da Pitti Immagine per avvicinare sempre più i suoi saloni a Firenze e viceversa”.
La nuova P.O.P. Arena di Piti Bimbo - Photo: Elena Passeri - FashionNetwork.com

Tra i principali eventi previsti per l’87esima edizione di Pitti Uomo: Monnalisa, presente in Fortezza con una nuova location alla Sala delle Colonne, organizza per la sera di giovedì 21 un Garden Party presso i Giardini Torrigiani, per festeggiare i suoi 50 anni di attività; Lorenzo Serafini lancia per Philosophy la sua linea di abbigliamento per bambini, prodotta e distribuita in licenza da Gimel; DSquared2, presente per la prima volta a Pitti Bimbo, festeggia i primi 5 anni della linea kids con una capsule dedicata e un “party di fine anno” in Fortezza, giovedì 21 giugno alle 21.00.
 
E ancora, Dondup annuncia il ritorno in house della collezione kidswear, a partire dalla PE 2019; per l’occasione, Matteo Marzotto, Presidente del brand, sarà presente venerdì mattina presso la P.O.P. Arena, un nuovo spazio di 500 metri quadrati nel padiglione M, per presentare i nuovi progetti dell’azienda per il mondo bimbi. Chicco festeggia i suoi 60 anni con una mostra-evento al Teatrino Lorenese che celebra tutte le generazioni cresciute insieme al marchio simbolo della puericultura: Millennials, Generazione X e Y, nativi digitali e Baby Boomers. Torna a Pitti Bimbo anche la moda spagnola, con una sfilata, giovedì 21 giugno alle 12, del collettivo di brand spagnoli Children’s fashion from Spain; a salire in passerella: Barcarola, Boboli, Desigual, Foque, Mayoral, Tartaleta, Tuc Tuc.
 
Tra i progetti speciali presentati in quest’edizione, da segnalare il “Junior Summer Camp” di Polimoda, realizzato in collaborazione con Pitti Immagine e Museo Salvatore Ferragamo: il primo camp sulla moda dedicato a bambini dagli 8 ai 12 anni, che si svolgerà dal 2 al 6 luglio e il cui ricavato sarà devoluto all’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze.
 
Infine, One Ocean Foundation, piattaforma italiana per la salvaguardia dell’oceano creata dallo Yacht Club Costa Smeralda (YCCS), ha scelto Pitti Bimbo per illustrare alle aziende presenti il suo decalogo di comportamenti virtuosi per la conservazione dell’ambiente marino. Ogni anno, infatti, i mari e gli oceani sono invasi da enormi quantità di rifiuti, in particolare tonnellate di plastica che si trasformano in particelle microplastiche, causando la morte degli animali marini e arrivando fino all’uomo attraverso il cibo che mangiamo. Proteggere l’oceano significa dunque proteggere il nostro futuro, senza contare che sostenere l’economia blu, che cerca nuovi modi di operare più sostenibili, significherebbe creare nuovi posti di lavoro in un mercato, quello delle risorse e delle industrie marine, che vale 3.000 miliardi di dollari all’anno.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter Lusso - AccessoriLusso - ScarpeModa - AltroSaloni / fiere