OAMC stipula un accordo di produzione con Onward

OAMC sarà prodotto da Onward Luxury Group (OLG). La collaborazione con il marchio per uomo in netta ascesa, cofondato nel 2013 da Luke Meier, ex stilista principale della label Supreme, al fianco di Arnaud Faeh, ex direttore artistico del marchio Carhartt, che è invece il responsabile della parte business e commerciale, debutterà con la stagione autunno-inverno 2018/19.

OAMC, primavera-estate 2018 - © PixelFormula

L’accordo viene siglato dopo che la coppia Luke e Lucie Meier si è vista affidare lo scorso aprile la direzione artistica di Jil Sander, uno dei marchi posseduti dalla branca europea del giapponese Onward (ex Gibò). Altro punto in comune: pur esssendo concepito a Parigi, OAMC ha collocato il proprio ufficio stile a Milano, dove si trova anche la sede di Onward, per sviluppare la collezione con tessuti provenienti per la maggior parte dall’Italia o dal Giappone.
 
Come ha precisato Franco Pené, il boss di OLG, alla stampa italiana, si tratta di un accordo produttivo che non implicherà la gestione della distribuzione, al momento attuale gestita direttamente da OAMC. Non vi è inoltre nessuna acquisizione di partecipazione azionaria da parte di Onward nel brand, ma questa partnership potrebbe evolvere in futuro.
 
OAMC, che ha sfilato per la prima volta a Parigi nel gennaio del 2017, propone un guardaroba maschile contemporaneo di lusso che miscela volumi streetwear e dettagli sartoriali.
 
Punto di riferimento per la produzione e distribuzione di collezioni di altissima gamma in Italia, il gruppo italo-giapponese Onward Luxury Group produce su licenza le collezioni di prêt-à-porter e di calzature di Mulberry, il prêt-à-porter donna di Rochas, al quale dovrebbe presto aggiungersi il menswear, la Donna di Antonio Berardi e le calzature di Proenza Schouler, Rochas e See by Chloé.
 
L’azienda possiede, oltre a Jil Sander, anche Moreau Paris e Charlotte Olympia. In compenso, non annovera più nel suo portafoglio il marchio omonimo della stilista Véronique Branquinho, che ha chiuso la sua azienda di moda lo scorso giugno.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Industry