Marco Bicego: fatturato a 50 milioni di euro e aperture retail negli USA e ad Atene

Il marchio veneto di alta gioielleria ha chiuso il 2017 con un fatturato di circa 50 milioni di euro, in linea con l’anno precedente, per l’85% ottenuto all’export. L'azienda con sede a Trissino (VI) oggi si avvale della competenza di 100 dipendenti (20 in più di 4 anni fa) impegnati nella lavorazione di gioielli esclusivamente in oro 18 carati realizzati con la tecnica artigianale del bulino (un'incisione eseguita interamente a mano che conferisce all'oro un effetto setoso e non lucido) e l’aggiunta di pietre preziose e semipreziose. “Dalle prime collezioni che ho creato sino a quelle di oggi c’è sempre stato un filo conduttore: portare avanti uno stile riconoscibile e coerente. Mi sono ispirato alle forme organiche, naturali, preferendo forme imperfette, irregolari, forse perché amo il contatto con la natura”, spiega a FashionNetwork.com lo stesso fondatore Marco Bicego.

Marco Bicego, collezione "Jaipur"

Questa particolarità nella lavorazione dell’oro, unita all’originalità dello stile e all'alta qualità del prodotto, è una filosofia che ha conquistato i mercati internazionali. Primo fra tutti gli Stati Uniti, che rappresentano il 40-45% del giro d’affari del brand, “nonostante le oscillazioni a volte importanti del dollaro, che si sono aggiunte alle incertezze legate al processo della Brexit, che ha determinato una situazione di stand by per noi nel Regno Unito, e alle incognite geopolitiche mondiali”, puntualizza Marco Bicego. “Segue come nostro secondo mercato l’Italia, mentre il terzo è diventato il Giappone, dove abbiamo aperto una filiale a Tokyo. Il mercato tedesco, cresciuto del 20%, è stato quello con la crescita migliore nel 2017”.
 
Ad oggi, Marco Bicego è presente nei migliori multibrand della gioielleria a stelle e strisce, e controlla vari corner e shop-in-shop in department store come Bloomingdales, Neiman Marcus e Saks Fifth Avenue. “Apriremo altri tre corner negli USA con Bloomingdales”, rivela Bicego, “e inaugureremo a maggio una boutique sulla 5th Avenue a New York con Saks di circa 50 metri quadrati. In apertura c’è a breve un negozio anche ad Atene con lo stesso concept. Molto sta cambiando nelle modalità d’acquisto newyorchesi, un mercato in evoluzione che sta spostandosi più verso SoHo che nella storica e sempre importante (ma in fase di notevole cambiamento) Madison Avenue, per cui ci stiamo prendendo il tempo necessario per aprire un vero monomarca Marco Bicego nella Grande Mela: i costi fissi sono elevati in quelle zone, e quindi bisogna valutare bene la location giusta”.

Marco Bicego, collezione "Masai"

Oltre agli spazi commerciali negli States, il marchio vicentino controlla dei flagship store monomarca a Verona, Budapest, Mykonos, Creta e l’ultimo in ordine di tempo inaugurato qualche anno fa Milano, in Via della Spiga, oltre a un altro shop-in-shop da Harvey Nichols a Londra. Infine, il marchio vicentino possiede tre shop-in-shop nell’area cinese (a Pechino, Shanghai e Hong Kong). Marco Bicego è poi distribuito in circa 800 punti vendita multimarca worldwide. 400 negli USA, 200 in Europa, 120 in Italia, il resto sparso fra Asia e Oceania.
 
“Il negozio di Milano ci è servito molto per farci conoscere dalla clientela internazionale, testare i prodotti, capire i gusti dei consumatore. Si è rivelato un’ottima scelta anche a livello d’immagine. Il 70% dei clienti del negozio sono stranieri”, puntualizza l’imprenditore, “mentre a Verona, per esempio, il 60% delle vendite è ottenuto da clienti italiani, il 40% è internazionale. Infine, abbiamo acquisito un anno fa uno spazio a Venezia, aperto a giugno 2017, ancora non a insegna Marco Bicego per alcune lungaggini burocratiche con la sovrintendenza, che ha il 99% di clientela straniera. Punto a concretizzare il progetto di restyling dello store entro la fine di quest’anno”.

Marco Bicego, la linea "Delicati"

Il marchio vicentino di gioielleria è stato fondato dall’omonimo imprenditore figlio d’arte nel 2000 con l'idea di capitalizzare l'esperienza paterna nella produzione orafa conto terzi per dar vita a un brand autonomo in grado di imporsi sul mercato. I prodotti di Marco Bicego sono realizzati al 100% nella fabbrica di Trissino, che nel 2010 è stata trasformata in una sorta di spazio “multifunzionale”, dove ai clienti viene mostrata tutta la storia del brand.
 
“Mi piace svilupparmi in mercati maturi, quindi l’Europa, pur non essendo facile, è la regione nella quale mi piacerebbe investire in futuro aprendovi almeno un altro flagship, perché secondo me ha sempre ottime potenzialità. Ora abbiamo anche l’e-commerce, che controlliamo direttamente, ma è attivo solamente negli Stati Uniti”, conclude Bicego, le cui creazioni più vendute sono proposte a prezzi fra i 1.800 e i 3.000 euro, mentre la linea di alta gioielleria è composta di pezzi unici disponibili a 80.000 euro.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

GioielleriaDistribuzioneBusiness