Luz Collections firma dei costumi da bagno in cotone bio

Molti marchi oggi si affidano a produzioni con materiali bio e sono più attenti al commercio equo-solidale. La stragrande maggioranza di essi opera nel prêt-à-porter. Le fondatrici di Luz Collections affermano invece di essere le sole, o comunque le prime, ad aver scelto questo tipo di impegno nel settore dei costumi da bagno. Il marchio è stato creato nel 2012. Al salone parigino Mode City, terminato il 6 luglio, hanno presentato la loro quarta collezione, per la PE 2016.

Un modello di Luz Collections della collezione 2015

Il marchio è stato infatti fondato da due amiche d'infanzia, Claire Mougenot e Virginie Courtin-Clarins, raggiunte nel 2013 da Alix Mougenot, sorella di Claire. In seguito, Virginie Courtin-Clarins ha abbandonato l'attività operativa, restando comunque azionista del brand, per andare a lavorare nel gruppo di famiglia Clarins.

Claire Mougenot ha vissuto molti anni in Argentina, con un anno di stage nel campo bio-alimentare. E' questa esperienza che l'ha portata a rimanere in questo settore. L’idea del beachwear è venuta perché le tre ragazze non riuscivano a trovare personalmente sul mercato ciò che desideravano, tranne forse qualche articolo di marchi come Erès e Princesse Tam Tam.

Il materiale con cui compongono le loro collezioni comprende un 93% di cotone biologico e un 7% di elastan. E' stato fatto un tentativo con solamente il 3% di elastan, ma senza successo per un prodotto che deve andare sulla pelle e nell'acqua! Certo, per questo fatto Luz non si asciuga così velocemente come gli altri costumi. “Ma comunque diventa asciutto”, nota sorridendo Alix Mougenot.

I prodotti sono confezionati in un laboratorio in Perù, dove il cotone Pima è molto diffuso. Luz si avvale dell'etichetta Gots, che garantisce una fabbricazione senza solventi aromatici, senza OGM, … e difende così un'adeguata retribuzione, l'interdizione al lavoro dei bambini, ecc.

I prezzi dei prodotti vanno da 99 a 174 euro. Il marchio conta oggi una quarantina di punti vendita, una trentina dei quali in Francia. All'estero, il marchio è venduto negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Svizzera e in Belgio. E anche in Argentina. Luz Collections può pure contare dall'inizio di giugno fino a fine luglio su un temporary shop in rue Dragon 13 a Parigi.

Capitolo partecipazione a fiere: dopo Mode City, Luz Collections un anno fa era al Coterie di New York e stavolta punta a partecipare al Capsule del prossimo settembre a New York.

Jean-Paul Leroy (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Costumi da bagnoIndustry