L'ultile trimestrale di Ralph Lauren balza dell'83%

Ralph Lauren Corp. ha conseguito ricavi e utili trimestrali migliori del previsto, dal momento che il produttore di abbigliamento di lusso ha venduto più prodotti a prezzo pieno e ha tenuto sotto stretto controllo i costi.

Reuters

Le azioni della società, nota per le sue Polo che trasmettono uno stile country-club chic, sono cresciute di quasi il 2% prima della “campana”, destinate ad aumentare di oltre il 30% quest'anno.

Il gruppo con sede a New York, come Tapestry Inc. e il proprietario di Calvin Klein PVH Corp, ha ritirato i prodotti dagli scaffali dei grandi magazzini, dove erano pesantemente scontati, per riconquistare il suo status di marchio premium.

Ralph Lauren si è anche concentrato sui suoi core brand, ha tagliato posti di lavoro, ridotto l'inventario in eccesso e chiuso i negozi con prestazioni insufficienti, mentre ha spinto la sua supply chain per migliorare il time-to-market.

Questi fattori hanno contribuito ad aumentare i margini dell'azienda. I margini lordi sono aumentati di 120 punti base, mentre il ricavo medio per unità venduta è aumentato dell'8% nel primo trimestre dell'anno precedente. L'utile netto è salito a 109 milioni di dollari (93 milioni di euro), o 1,31 dollari per azione, nei tre mesi chiusi il 30 giugno, da 59,5 milioni di dollari, o 72 centesimi per azione, dell'anno prima, grazie anche ad un aliquota fiscale più bassa.

Escludendo alcuni voci, la società ha guadagnato 1,54 dollari per azione, superando la stima media degli analisti di 1,36 dollari, secondo Thomson Reuters I / B / E / S. I ricavi sono aumentati del 3,2% a 1,39 miliardi di dollari (1,18 miliardi di euro), il primo aumento in almeno 13 trimestri, anche superiore alla stima di 1,36 miliardi.

Versione italiana di Edoardo Meliado

© Thomson Reuters 2018 All rights reserved.

Lusso - Prêt à porter Lusso - AltroBusiness