Industria 4.0: commercio e moda, estendere piano a e-commerce

Il mondo della moda e del lifestyle chiede di estendere il piano Industria 4.0 all'e-commerce e agli investimenti in favore di un miglioramento della relazione con il cliente che si raggiunge grazie alle nuove tecnologie. È quanto emerso in occasione del convegno "Rivoluzione digitale: opportunità e sfide per le aziende della moda, del beauty e del design", organizzato da Netcomm (consorzio del commercio elettronico italiano) e Pambianco, in Borsa italiana.

Roberto Liscia, Presidente di Netcomm

"Industria 4.0 non ha dato abbastanza peso all'innovazione sulla trasformazione digitale della relazione commerciale verso il mercato", sostiene il presidente di Netcomm, Roberto Liscia, che esorta "il ministro Calenda, il quale ha dichiarato che l'e-commerce è un canale sottodimensionato rispetto al potenziale, a fare un passo ulteriore affinché gli incentivi del piano 4.0 non vadano solo sul miglioramento della produttività e del cambiamento della parte machinary, ma anche ad agevolare gli investimenti nella trasformazione digitale della distribuzione".

La scommessa per il retail, infatti, “sta nella relazione a lungo termine con il cliente, quindi, bisogna conoscerlo sempre di più e in maniera diretta”, investendo “in modelli predittivi, banche dati, sistemi di informatica avanzata”. A sottolineare l'aspetto innovativo della moda, è David Pambianco, A.D. di Pambianco Strategie di impresa, affermando che "ha investimenti altissimi in ricerca sui materiali, sui tessuti, modelli. Ma gli sforzi che la moda fa sono quasi sempre al di fuori dei benefici fiscali di legge. Auspico quindi una maggiore attenzione alle specificità degli investimenti del settore".

Tra i brand presenti all'evento, Twin set, "sta spingendo sulla digitalizzazione - spiega l'A.D., Alessandro Varisco -, da un lato investendo sulle infrastrutture, dall'altro sui contenuti, realizzando dei corti che parlano alle donne". Per L'Oreal “la digitalizzazione è un vera trasformazione, partita dal vertice con un programma mondiale iniziato qualche anno fa”, spiega il D.G. di L'Oreal Luxe Italia, sottolineando che l'obiettivo del l'azienda è di “conoscere, tracciare, 1 miliardo di clienti, su un totale mondiale di 2 miliardi”. Inoltre, l'azienda di cosmetica ha dato vita, insieme a Condé Nast Italia e all'Università Bocconi, a un'Accademia per formare le "beauty blogger del domani", con l'obiettivo di incrementare la presenza del beauty nei contenuti sul web.

Copyright © 2017 ANSA. All rights reserved.

Moda - AltroIndustryDistribuzioneInnovazione