Hermès: sofisticato e soave, ma anche piuttosto serio

Sofisticata, soave, elegante ma non così sexy, l’ultima pre-collezione della maison Hermès ha mostrato tutte le virtù - e gli occasionali difetti - di questa firma leggendaria.

Guarda la sfilata
Hermes (Resort) - Autunno-Inverno 2018 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula

Non si poteva che ammirare gli abiti in pelle di vitello perfettamente tagliati, le camicie e i cappotti realizzati in tonalità di giallo burro, blu petrolio o marmo verde di Connemara, ancor più riusciti per essere stati rifiniti con alcuni geniali motivi perforati o tagliati al laser; geometrici o di traverso.
 
La salva di outfit d’apertura si è caratterizzata per tute ritagliate e redingote a doppio petto nel più morbido dei cashmere, tutti vestiti tagliati in modo impeccabile, sebbene talvota indossati con strane infradito di pelle. Le modelle sono apparse in diverse bellissime camcie con stampa a medaglione e abiti da party veramente affascinanti, in questa pre-collezione per la primavera-estate 2019 mostrata nella domenica di apertura della settimana parigina della Haute Couture.
 
Tutte stringevano diverse tipologie della borsa “Kelly”, da versioni enormi di tela bianca con finiture in pelle color lampone; a modelli squadrati super carini in paglia con una guarnizione bianca. Tutte sembravano fantastiche, e già s’immagina che avranno lunghe liste d'attesa per procurarsele.
 
Presentato a un pubblico di circa 120 tra giornalisti e clienti al secondo piano del flagship del brand in Faubourg Saint-Honoré, attraversato da una passerella di fieno pressato, lo show ha avuto una meravigliosa colonna sonora. Una band live chiamata Perfume Genius ha suonato un delizioso concertino durante la sfilata, con il cantante solista che eseguiva convulsi parossismi melodrammatici – per la delizia delle fashioniste presenti.

Guarda la sfilata
Hermes (Resort) - Autunno-Inverno 2018 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula

Tuttavia, la serie di abiti asimmetrici ad una spalla e di gonne svasate con quadretti gialli e rosa non ha aggiunto granché alla sfilata, come il nuovo modello di impermeabile, piuttosto banale. E nel complesso, i vestiti, anche se suggerivano compostezza, equilibrio e raffinatezza, erano troppo controllati. Grazie alla sua capacità di commercializzare e produrre un grande lusso discreto, Hermès ha costruito un mega brand che è attualmente il beniamino del mercato azionario di Parigi. Incredibilmente, all'inizio di quest'anno Hermès era valutato più di Kering, un conglomerato di tanti brand.
 
In sostanza, questa collezione ha sofferto del fatto che, pur esprimendo grazia e un atteggiamento di sicurezza e padronanza di sé, ha espresso anche un invecchiamento. E, a prescindere da quello che ti dice il valore delle azioni di Hermès alla Borsa di Parigi, nessuna donna (e nemmeno gli uomini, a questo proposito) è molto interessata all’argomento invecchiamento.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AccessoriLusso - AltroSfilate