Hermès: le vendite crescono di quasi il 9% nel secondo trimestre

Il gruppo francese del lusso Hermès ha reso noto di aver ottenuto un incremento delle vendite dell’8,9% nel secondo trimestre, a 1,36 miliardi di euro, trascinate soprattutto dai buoni risultati del segmento pelletteria-selleria, oltre che dai vestiti e dagli accessori.

La divisione vestiti e accessori del gruppo francese è cresciuta del 10% nel periodo - Hermès

La cifra è conforme alle previsioni degli analisti di Factset. Nel semestre, le vendite sono aumentate dell’11,2%, a 2,71 miliardi di euro. “Siamo molto contenti di questi risultati, perché mostrano la stabilità della nostra crescita e la forza del nostro modello economico”, ha commentato il massimo dirigente del gruppo, Axel Dumas, in una conferenza telefonica.
 
“La redditività operativa a fine giugno dovrebbe essere vicina al record storico raggiunto l’anno scorso”, ha valutato Hermès in un comunicato, sottolineando anche come “tale performance non può essere estrapolata dall’intero esercizio, soprattutto a causa del favorevole impatto delle coperture valutarie sui primi mesi dell'anno”.
 
Il gruppo non comunica obiettivi di vendite in cifre ma, a medio termine, “conferma un obiettivo di crescita di fatturato a cambi costanti ambizioso, nonostante l’aumento delle incertezze economiche, geopolitiche e monetarie nel mondo”.
 
Axel Dumas si è rallegrato della “solida crescita delle vendite in tutte le aree geografiche” nel primo semestre, e ha giudicato questa progressione “sana”, perché “basata principalmente sulla crescita organica”.
 
L'Asia (Giappone escluso) è cresciuta del 14%, trascinata soprattutto dalla Cina continentale. Il Giappone è cresciuto del 3%, l’America del 9% e l'Europa del 7%.
 
Dividendo i risultati per categorie di prodotti, la crescita più elevata è stata registrata dalla pelletteria-selleria (+12%). Il gruppo ha inaugurato in giugno due nuovi siti produttivi in Francia, in Normandia e nella Nuova Aquitania, annunciando la creazione di 220 posti di lavoro. Inoltre, ha aumentato le proprie capacità produttive in tre siti nella Charente, nell’Isère e nella Franca Contea.
 
La divisione vestiti e accessori è cresciuta del 10%, trainata soprattutto “dal successo delle collezioni di prêt-à-porter”. Il segmento seta e tessuti è progredito del 6% e i profumi sono aumentati dell’8%.
 
Le vendite di orologi sono in compenso diminuite dell’1%, “penalizzate da un mercato sempre difficile”, malgrado “un leggero miglioramento nel secondo trimestre”. Gli altri prodotti Hermès, che comprendono gioielli, lifestyle e articoli per la tavola, hanno proseguito il loro sviluppo registrando una crescita del 13%.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AccessoriLusso - AltroBusiness