Geox svela il piumino ecologico “New:Do”, mentre il fondatore Polegato lo riposiziona come marchio globale

Mario Moretti Polegato ha un sogno: far innamorare le donne di uno dei marchi italiani di maggiore successo. Il brand in questione è ovviamente Geox, che Polegato ha lanciato due decenni fa, quando ha sognato di mettere in pratica l’idea della scarpa “che respira” grazie a suole in gomma traspiranti per le sneakers. In linea con il suo DNA di innovazione tecnologica, Geox questa settimana ha svelato “New:Do”, il primo piumino ecologico composto da poliestere recuperato e ottenuto da bottiglie di plastica riciclate.

Mario Moretti Polegato - fondatore e AD di Geox - DR

Polegato è una delle più grandi storie di successo d’Italia, un imprenditore sempre attivissimo che ha preso un’idea istintiva e l’ha portata a crescere fino a farla diventare un brand globale chiamato Geox, che ha ottenuto ricavi per 900 milioni di euro nel 2016, affiancati soprattutto da un sano EBITDA di 47,5 milioni di euro.
 
Anche se lui e la sua famiglia nascono come produttori di vini nel Veneto, e lui abbia studiato enologia, Polegato ha vissuto il momento epifanico della sua vita mentre si trovava in Nevada. “Stavo camminando in un deserto incredibilmente caldo e i miei piedi si stavano surriscaldando, e quindi ho pensato: perché non fare dei buchi nelle suole? Una cosa realizzata in modo molto semplice, con un buon temperino. Ma quando ho capito che questa tecnica era efficace, appena sono tornato in Italia ho assunto alcuni ingegneri e insieme siamo andati a lavorare!”, dice il fiero veneziano bevendo una tazza di caffè. Sviluppando una membrana impermeabile con il suo piccolo team, Geox ha rivoluzionato l’universo del footwear introducendo le prime scarpe veramente traspiranti.
 
Alla fine, ha brevettato l'idea in oltre 100 Paesi e ha iniziato a lanciare boutique Geox in tutto il mondo. Oggi Geox vanta 1.250 negozi monomarca nel pianeta, inclusi circa 400 in Cina. Tuttavia, a causa della sua tradizione nell’outdoor e nella performance, Geox è sempre stato principalmente un marchio per gli uomini: i consumatori maschi attualmente rappresentano circa il 60% delle vendite.
 
“Nel nostro settore le donne di solito comprano i due terzi di tutte le scarpe, ma noi di Geox vorremmo modificare questa proporzione”, spiega il CEO in una conversazione a ruota libera sulla terrazza di Palazzo Corsini, una favolosa residenza privata di Milano con due enormi tele di Canaletto in bella mostra.
 
“I consumatori di oggi sono diversi. Vorranno sempre indossare stili eleganti, ma che dovranno essere anche sani. Credo che la combinazione di questi due fattori sia essenziale per il successo di Geox”, ha sostenuto Mario Moretti Polegato, il CEO e azionista di maggioranza di Geox, che in società si sta impegnando a gestire questa trasformazione fondamentale.
 
A questo scopo ha assunto Ernesto Esposito, veterano italiano del design di calzature, e ha lasciato che si scatenasse nel reparto creativo. I risultati – presentati a Palazzo Crespi, in Corso Venezia a Milano -- sono freschi, femminili, eccentrici e, naturalmente, sani. Dalle raffinate derby perforate ai mocassini di falso serpente con parti in pelle sui talloni e fibbie ispirate all’equipaggiamento equestre, da alcuni meravigliosi sandali giapponesi rivisitati costituiti da un mix di tessuti etnici e strisce da ombrellone da spiaggia ad eleganti scarpe estive con le zeppe a righe blu Godolphin e bordi di raffia intrecciati.

Geox - Geox

“Ciò di cui la gente non si rende conto è che il 95% di tutte le scarpe vendute oggi nel mondo è fatto di suole di gomma – solo il 5% è di pelle.  Ma siccome viviamo in un mondo in cui le persone, e giustamente, sono sempre più preoccupate dell’igiene, nella mia visione esse saranno naturalmente attratte da Geox, perché le nostre calzature sono più sane. Non fanno cattivo odore, a differenza della maggioranza delle sneakers!”, insiste Polegato.
 
Il successo lo ha portato ad avere una vita affascinante. Polegato è l’orgoglioso proprietario di Villa Sandi, una favolosa residenza disegnata dalla scuola di Palladio. Costruita nel 1622 lungo le rive del fiume Piave, Villa Sandi è stata addirittura il quartier generale di Napoleone per un certo periodo durante la sua campagna militare in Italia. A Villa Sandi la famiglia Polegato produce di tutto, dal pluripremiato prosecco, al cabernet e persino grappa -- tutti attentamente conservati in oltre 1,5 chilometri di cantine sotterranee. È un vigneto noto per la sua biodiversità, dotato di “insect hotels”, o hotel per insetti, fatti per dare riparo solo alle specie di insetti benefiche per impollinazione ed equilibri naturali.
 
Polegato, comunque, è abbastanza elegante per vivere il suo successo con leggerezza. C'è davvero poco in lui dell'arroganza che caratterizza così tanti uomini che si sono “fatti da soli”, soprattutto perché Polegato sembra essere molto radicato nel suo caro Veneto – e nei vitigni che hanno costruito il successo della sua famiglia già da molto prima che nascesse.
 
Qualsiasi cosa succeda, Polegato vuole che Geox rimanga quello che lui chiama un marchio “di famiglia”. “Siamo al centro di quello che io definisco lusso accessibile, che sempre più spesso è ciò che una persona intelligente vuole comprare; noi stiamo dando la possibilità di fare quella scelta aggiungendovi un tocco di bello ed elegante stile italiano. Del resto, non è proprio ciò che offre l’Italia? Uno spiccato senso dello stile a prezzi accessibili”.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - ScarpeBusiness