Geox brevetta la giacca che “respira”

Geox, il brand diventato famoso per le scarpe che “respirano”, grazie alle loro particolari capacità traspiranti, annuncia oggi di aver esteso questa caratteristica anche all’abbigliamento e di aver brevettato un nuovo sistema di traspirazione e termoregolazione dei tessuti.

Un modello Amphibiox

La nuova tecnologia si applica principalmente ai capispalla e consiste in una speciale costruzione del capo che sfrutta il principio fisico della “convezione”, in base al quale l’aria calda tende a espandersi verso l’alto: nelle nuove giacche Geox, il calore eccessivo evapora e sale attraverso un'intercapedine, denominata “spacer”, situata sotto la fodera e viene eliminato attraverso una fascia di aeratori sulle spalle.

I test di laboratorio hanno dimostrato che con questa particolare tecnologia i capi Geox hanno una capacità di traspirazione superiore del 40% rispetto all’abbigliamento tradizionale e rimangono così più asciutti, attenuando i disagi dovuti al calore eccessivo.

Sono dotate del nuovo brevetto la linea Amphibiox, caratterizzata da forme, colori e lavorazioni moderni, e Nebula, con proposte in tessuto stretch con imbottitura ecologica.

Nei primi 9 mesi del 2017 Geox ha registrato ricavi pari a 732,7 milioni di euro, in linea con l’anno precedente; lo scorso anno le calzature hanno rappresentato il 90% del fatturato e l’abbigliamento il 10%. Il marchio di Montebelluna guidato da Mario Moretti Polegato conta oggi 1.250 negozi monomarca in tutto il mondo, di cui circa 400 in Cina.
 

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - ScarpeInnovazione