Gallivant arriva in Italia ed entra nel portfolio di Campomarzio70

Nick Steward, da 20 anni nel settore e a lungo direttore artistico del brand L'Artisan Parfumeur, tre anni fa si è dedicato interamente allo sviluppo del proprio marchio di profumi, Gallivant (in italiano 'colui che ama bighellonare'), il quale ha visto la luce a Londra l'8 marzo del 2017. Dopo essersi distribuito in USA (il mercato da cui è partito, che è anche quello che genera il maggior fatturato), e in Inghilterra, Paesi Bassi, Germania, Svizzera e Austria, il marchio di fragranze ora sarà disponibile anche in Italia grazie alla partnership con Campomarzio70 Distribution.

Nick Steward - Gallivant

Le prime fragranze di Gallivant si chiamano come le 6 città da cui sono state ispirate. Sono tutte destinazioni cosmopolite, creative e ricche di stile: Amsterdam, Brooklyn, Berlino, Istanbul, Londra e Tel Aviv. L’obiettivo delle fragranze non è solo legato all’esperienza del viaggio, ma anche al rendere la vita più semplice – motivo per cui Gallivant ha disegnato flaconi travel-friendly da 30ml, venduti a 85 euro l’uno al pubblico. I profumi “Berlin”, “Istanbul”, “Tel Aviv” e “London” sono stati creati dal naso Karine Chevallier, di Parigi, mentre “Amsterdam” e “Brooklyn” sono stati sviluppati dalla veneziana Giorgia Navarra, pupilla italiana del maestro profumiere e re della nicchia Bertrand Duchaufour. Tutte le essenze sono state composte a Grasse, in Francia, dallo storico laboratorio Art et Parfum, fondato dal leggendario profumiere Edmond Roudnitska.
 
“Siamo presenti al momento in 3 negozi nel Regno Unito, 12 negli USA, 1 in Canada, 3 in Olanda, e in un’altra manciata di punti vendita in Germania e Austria. Lo stesso in Australia”, dice a FashionNetwork Nick Steward. “Per il momento non pensiamo ad aprire dei corner o degli shop-in-shop. Ci prendiamo il nostro tempo, facciamo le cose a modo nostro, troviamo i nostri fan ... Non voglio correre ... Dovrebbe essere sentita come una scoperta personale”.

Le sei fragranze ispirate ad altrettante città di Gallivant

“Sappiamo tutti che l'Italia è un mercato molto speciale, perché siete fortunati ad avere ancora molti grandi rivenditori indipendenti, appassionati e competenti. E so che abbiamo già molti fan nello Stivale”, dice l’artigiano profumiere inglese. “Sto facendo qualcosa di diverso con Gallivant, per l'atmosfera che voglio dare al marchio, ma anche per le dimensioni dei flaconi, pensate per chiunque viaggi tanto come me, sempre in movimento tra varie città: volevo piccoli prodotti in una taglia che non creasse problemi negli aeroporti, e una dimensione adatta a chi non si vuole impegnare con una sola firma olfattiva per la vita. Con Campomarzio70 svilupperemo il marchio insieme, puntando maggiormente sulla qualità che sulla quantità dei negozi in cui distribuirlo”, conclude Steward.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

ProfumiDistribuzioneBusiness