Fast Retailing (Uniqlo) ottimista dopo risultati record nel 2016/17

Il gruppo giapponese di abbigliamento Fast Retailing si è mostrato fiducioso dopo aver pubblicato delle performance finanziarie record nell’esercizio 2016/17, chiuso il 31 agosto, grazie in particolare alle robuste vendite registrate dal suo marchio di punta Uniqlo all’estero.

AFP/Fred Dufour

Il suo utile netto del periodo è arrivato a 119,28 miliardi di yen (quasi 900 milioni di euro al cambio attuale), un risultato più che raddoppiato in un anno e largamente superiore alla sua previsione annua di 100 miliardi di yen, secondo un comunicato del gruppo. Il suo reddito operativo è stato pari a 176,4 miliardi di yen (+38,6% in un anno) e il fatturato annuo è cresciuto del 4,2%, a 1.861,9 miliardi di yen, pari a circa 14 miliardi di euro.
 
L’attività del suo marchio principale Uniqlo, che ha rappresentato l’81,5% delle vendite globali del gruppo, è cresciuta dell’8,1% in un anno all’estero, grazie soprattutto alla Cina e al Sud-Est asiatico, ma solamente dell’1,4% in Giappone (includendo i negozi in franchising).
 
Il gruppo, che comprende inoltre i marchi GU, Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam.Tam, si mostra ottimista per il nuovo esercizio 2017/18, puntando a un giro d’affari di 2.005 miliardi di yen (+10,1% in un anno) e a un utile di gestione di 200 miliardi di yen (+13,4%). Tuttavia il gruppo prevede una quasi stagnazione dell’utile netto nel nuovo esercizio contabile iniziato il 1° settembre, a 120 miliardi di yen (+0,6%).
 
Da qui ad agosto 2018, Fast Retailing prevede che la sua rete mondiale di negozi conterà 3.502 punti vendita, incluse le boutique in franchising, delle quali 1.246 sono punti vendita Uniqlo all’estero e 831 in Giappone.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AltroBusiness