Fashion Week di New York: il via mercoledì con Tom Ford e Rihanna

Molti grandi nomi hanno saltato la Settimana della Moda di New York. Tommy Hilfiger presenterà il suo défilé a Londra, e la stagione è stata accorciata di un giorno. Tuttavia, malgrado il ritiro di cinque marchi di primo piano, la Fashion Week di New York, che si apre mercoledì 6 settembre, si annuncia ricca di eventi.

Bella Hadid sfila per Michael Kors - Autunno-Inverno 2017/18 - Womenswear - New York - © PixelFormula

Inoltre, anche se molti stilisti affascinanti hanno ceduto alle sirene dell’Europa, i marchi di rinomanza mondiale che contano veramente (come Ralph Lauren, Calvin Klein, Michael Kors e Tory Burch) continuano ad impegnarsi decisamente per New York. Questa stagione delle sfilate rimane sicuramente la più glamour, la più vivace e la più ricca di stelle. E le griffe di queste star ci mettono ancora più pepe, come nel caso di Rihanna, che trasferisce da Parigi a Manhattan la sua sfilata del brand Fenty, molto apprezzato dalla critica.
 
Saranno presenti anche altri 3 marchi di protagoniste che contano: Eva Longoria lancerà per la prima volta sulle passerelle la sua collezione EL, al Kia Style360, nel quartiere di Hell's Kitchen. Studio 189; inoltre, la linea artigianale ed etica di Rosario Dawson, così come Livaru, la griffe definita etica ed eco-responsabile creata da Alysia Reiner, la protagonista della serie “Orange is the New Black”, promettono anch’esse la presentazione di modelli ricchi di star attitude.
 
Vero è che la firma losangelina Rodarte e il marchio molto amato a New York Proenza Schouler si sono spostati a Parigi per la stagione dell’Alta Moda di luglio. Nello stesso momento, Thom Browne imbarcava la sua collezione maschile fino al Musée des Beaux-Arts, per presentare una sfilata alquanto epica nell’emblematica scuola artistica francese. New York ha anche dovuto subire la partenza di Joseph Altuzarra, che presenterà il suo défilé PE 2018 nella capitale francese. A sua difesa, si deve tuttavia ricordare che lo stilista è proprio francese. Infine, anche se solo per una notte, Hilfiger ha fatto approdare a Londra la collezione che ha concepito in collaborazione con la super top Gigi Hadid, per presentarla nel leggendario tempio della musica “The Roundhouse”.
 
“Cosa penso di queste defezioni? Tanto meglio per loro. Siamo fieri del fatto che degli stilisti che hanno potuto sviluppare e lanciare qui il loro marchio oggi siano accettati a Parigi per presentare i loro show. Non dovrebbero esistere frontiere fra le Settimane della Moda: la moda è totalmente internazionale. Joseph Altuzarra ha dichiarato che non avrebbe potuto avere la possibilità di lanciare il suo marchio in una città diversa da New York. Il fatto è che i nostri programmi CFDA/Vogue hanno offerto a creatori come Rodarte, Thom Browne e Proenza l'occasione per brillare al fianco di grandi marchi storici europei. Oggi ne siamo molto fieri, e non credo che quanto succede determini conseguenze negative per New York”, spiega Steven Kolb, direttore esecutivo del consiglio degli stilisti di moda americani (Council of Fashion Designers of America - CFDA).
 
Per dare inizio alle ostilità, le grandi sfilate sono programmate nelle serate dei primi tre giorni: vi sarà il ritorno di Tom Ford a New York con la sfilata prevista per mercoledì alle 20, seguito l’indomani da Raf Simons per Calvin Klein, e 24 ore dopo dallo show dei 20 anni di Jeremy Scott. Rispettando una tradizione di lungo corso, Marc Jacobs chiuderà la stagione con una presentazione in passerella alle 18.  
 
"Tom non è venuto qui per un po’, ma poi ha detto che New York sarebbe stata la casa che l’avrebbe accolto per le Fashion Week. Ed è sempre una sfilata interessante e importante. Ricordatevi anche che Raf Simons ha vinto due premi del CFDA per il suo primo défilé di Calvin. Dunque questo show sarà particolarmente atteso”, sottolinea Steven Kolb.  
 
Ci sarà anche un evento per marito e moglie questa settimana: Victoria Beckham ha un suo spazio la domenica mattina, mentre il suo caro David organizza insieme allo stilista Daniel Kearns di Kent & Curwen una serata cocktail intitolata “British garden party d'automne”, sulla terrazza di Saks, martedì sera.
 
Gli addetti ai lavori annunciano grandi cose per Marc Jacobs, che ha lavorato per molto tempo nel suo atelier per questo défilé. Si tratta del primo show che lo stilista presenterà davanti al suo nuovo CEO, Eric Marechalle.

Marc Jacobs chiuderà la stagione - © PixelFormula

"Nonostante tutte le turbolenze in azienda, Marc è tornato al top della sua arte, dal punto di vista creativo. Vedrete”, insiste un osservatore ben informato.
 
Si attendono sorprese anche da Alexander Wang, che l’anno scorso aveva organizzato la sua sfilata a Harlem, ma continua a mantenere segreto dove si svolgerà quello di questa stagione.
 
Quella di New York resta però una stagione divisa: l'agenda si divide fra la programmazione del CFDA e quella di IMG, che presenta marchi più piccoli e organizza sfilate in due spazi principali: lo Skylight Clarkson e The Shop, entrambi nel West Village.
 
Ma non tutto si svolge a Manhattan. Ralph Lauren ha invitato degli ospiti a casa sua, a Bedford, Westchester.
 
“Là potremo tutti ammirare la sua collezione di automobili e avere una panoramica dell'universo privato di Ralph. Sarà sicuramente una serata indimenticabile”, sorride Steven Kolb, prima di aggiungere: “Le persone mi fanno spesso domande sulle location per le sfilate … per me la più fantastica di tutte è la città di New York”.
 
Settembre 2017 si preannuncia già come una stagione eccezionale per indirizzi iconici: Carolina Herrera passa da un museo all’altro (aveva presentato un défilé al Frick: in questa stagione sarà al MOMA). Tory Burch si sposta in direzione opposta, passando dal Whitney, nella zona sud di Manhattan, al museo del design Cooper Hewitt, a nord. Nicole Miller sarà sul tetto dell'hotel Gramercy Park, mentre Derek Lamb presenterà la sua sfilata alla piscina del palazzo Seagram di Mies van der Rohe.
 
Allacciate le cinture, il viaggio si preannuncia favoloso.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AltroSfilate