Eurojersey cresce del 21% e punta sulla sostenibilità

Eurojersey, azienda del Gruppo Carvico con sede a Caronno Pertusella (VA), specializzata nella produzione di tessuti tecnici, ha chiuso il 2017 con un fatturato di 68 milioni di euro, in crescita del 21,1 rispetto al 2016, realizzato per l’83% all’estero, in particolare in Germania, Francia e Stati Uniti, primi tre mercati in termini di vendite per la società.
Il tessuto Sensitive Classic di Eurojersey - sensitivefabrics.it

Tra i focus su cui l’azienda sta puntando e investendo da tempo c’è senza dubbio la sostenibilità, attraverso il progetto SensitivEcoSystem, avviato nel 2007: un programma di sviluppo eco-compatibile incentrato sul processo di produzione dei tessuti Sensitive Fabrics, che coinvolge clienti, fornitori e consumatori. La produzione di tali tessuti è infatti monitorata in tutte le fasi della lavorazione e consente di mantenere elevati standard qualitativi senza spreco di materiali, con notevole risparmio di risorse e abbattimento dei residui inquinanti.
 
Inoltre, dal 2008, Eurojersey è riuscita a soddisfare il fabbisogno energetico dei suoi impianti con energia ottenuta da fonti rinnovabili, ha installato un impianto fotovoltaico che produce circa 17.000 kWh all’anno e si avvale di un sistema di depurazione dei fumi che produce circa 30 milioni di litri all'anno di acqua calda, con un risparmio energetico di oltre 200 tonnellate di petrolio. Grazie al calore generato dal sistema di depurazione dei fumi, Eurojersey ha ridotto significativamente anche la quantità di gas naturale utilizzato nel suo impianto, con un risparmio annuo di circa 200.000 m3, impedendo così il rilascio di 400 tonnellate di anidride carbonica e 12.000 litri di olio nell'atmosfera.
 
“Fra gli obiettivi del 2019, seguendo il nostro progetto di sostenibilità nato nel 2007, abbiamo intenzione di certificare l'impatto ambientale di ogni singolo tessuto di Eurojersey, sia unito che stampato", ha dichiarato Andrea Crespi, direttore generale di Eurojersey Spa.
 
Nell’ambito di questo progetto, Eurojersey ha aderito al programma ZDHC - Zero Discharge of Hazardous Chemicals, un’organizzazione internazionale che approfondisce il problema delle sostanze chimiche pericolose nella filiera globale del tessile. L’azienda prosegue inoltre la partnership con WWF Italia attraverso una nuova collaborazione triennale sul tema dell'acqua come risorsa del nostro pianeta, declinato in molteplici attività, quali il calcolo dell'impronta idrica sui tessuti Sensitive Fabrics, la problematica della plastica nelle acque marine e una campagna di sensibilizzazione sulla pesca sostenibile e la salvaguardia degli squali, indicatori del benessere dei nostri mari.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

TessileInnovazione