Ebay rivede le sue previsioni al ribasso dopo un secondo trimestre deludente

Il gruppo statunitense Ebay ha visto calare del 5% il suo titolo in Borsa all’annuncio dei risultati del suo secondo trimestre dell’esercizio 2018, al di sotto delle previsioni di Wall Street. Il gruppo ha comunque incrementato il proprio fatturato del 9% nel periodo, a 2,64 miliardi di euro, malgrado la controprestazione del suo sito di vendita online di biglietti per eventi Stubhub.

Il gruppo di vendite all'asta fa meno bene del previsto - Foto: DR

Una contrazione che il gruppo attribuisce al numero ridotto di eventi sportivi svoltisi negli Stati Uniti in quel periodo trimestrale, che ha determinato una crescita limitata al 4% nella vendita di biglietti. Un incremento identico a quello del numero di acquirenti attivi sul marketplace, che sono stati 175 milioni nel trimestre. Il valore totale dei prodotti venduti cresce invece del 10,4% rispetto al secondo trimestre del 2017, a 23,6 milioni di euro, dei quali 9,2 milioni negli Stati Uniti (+14%) e 14,3 milioni all’estero (+5,3%).
 
“Nel secondo trimestre, abbiamo continuato l'esecuzione della nostra strategia apportando dei miglioramenti all'esperienza ‘core’ di Ebay”, spiega il direttore generale Devin Wenig. “Abbiamo approfittato di importanti opportunità sul fronte della pubblicità e dei pagamenti. Per la seconda metà del 2018 prevediamo un'accelerazione delle nostre attività e una crescita forte e continua dei profitti”.
 
Una dichiarazione di fiducia che non impedisce però al gruppo di rivedere al ribasso le sue proiezioni per il terzo trimestre e l’esercizio nel suo insieme. Per il trimestre in corso, Ebay punta ora su ricavi compresi tra i 2,64 e i 2,69 miliardi, e su entrate fra i 10,75 e i 10,85 miliardi per l’intero anno, contro i 10,9-11,1 miliardi precedentemente annunciati.
 
Il primo semestre di Ebay è stato segnato dall’annuncio da una partnership con la piattaforma Noon, per ampliare il suo perimetro di vendita in Medio Oriente. Nello stesso tempo, il gruppo ha annunciato l’intento di ritirarsi dall’indiano Flipkart, ora nelle mani di Walmart, liberando così 1,1 miliardi di dollari di liquidità. Il che non impedisce al gruppo di voler rilanciare Ebay India tramite un'offerta transfrontaliera. In Giappone, Ebay ha appena comprato la piattaforma Qoo10, che era di proprietà di Giosis.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Business
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER