E-commerce: accordo Walmart-Google per un’esperienza d’acquisto intelligente

La grande catena di distribuzione americana Walmart ha annunciato che dal prossimo settembre inizierà a lavorare con Google per rendere l’esperienza di shopping un’attività più facile e veloce. L’obiettivo è quello di offrire centinaia di migliaia di articoli per lo shopping vocale tramite Google Assistant, il maggior numero attualmente offerto da un rivenditore attraverso una piattaforma online.

Walmart

Una delle principali modalità di utilizzo dello shopping vocale riguarda la capacità di costituire un cestino di beni quotidiani essenziali precedentemente acquistati. Questo permetterà di offrire raccomandazioni di acquisto personalizzate in base ai precedenti acquisti dei clienti, inclusi quelli realizzati nei negozi Walmart e su Walmart.com. Per usufruire di questa personalizzazione, i clienti dovranno semplicemente collegare il proprio account Walmart a Google Express.
 
“Il prossimo anno”, ha dichiarato in una nota il Presidente e CEO di Walmart, Marc Lore, “potremo anche sfruttare i nostri 4.700 negozi americani per creare esperienze di acquisto inedite all’interno dello shopping vocale, inclusa quella di prelevare un ordine in negozio o di acquistare generi alimentari freschi in tutto il paese”.

“Il nostro obiettivo”, ha proseguito Lore, “è rendere lo shopping vocale il più semplice possibile per i nostri clienti. Ecco perché abbiamo scelto di collaborare con Google, un’azienda che ha fatto significativi investimenti nell'elaborazione linguistica naturale e nell'intelligenza artificiale per offrire una potente esperienza di acquisto vocale”.
 
Il nuovo servizio darà ai clienti un nuovo modo convincente per ottenere ciò che serve a prezzi bassi. “Continueremo a concentrarci sulla creazione di nuove opportunità per semplificare la vita delle persone e aiutarle a fare acquisti in modi che non hanno ancora neanche potuto immaginare”, ha concluso il CEO di Walmart.

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

DistribuzioneInnovazione