Diesel lancia “The Capsule”, prototipo di una nuova sala riunioni

Diesel lancia “The Capsule”, il prototipo di una nuova (e volutamente scomoda) sala riunioni, progettata per ridurre al minimo la durata delle riunioni nelle aziende. Secondo il britannico The Guardian, infatti, sono circa 9.000 le ore che un impiegato trascorre in media in meeting durante tutta la sua carriera, di cui circa la metà inutilmente. Da qui l’idea di seguire e mettere in pratica la filosofia del fondatore di Diesel, frutto anche della sua esperienza diretta: “Le migliori decisioni che abbia mai preso sono state rapide”. 

La nuova sala riunioni “scomoda” progettata da Diesel - Facebook/Diesel

In anteprima assoluta, al “Wired Next Fest” di Milano (25-27 maggio, presso i Giardini Indro Montanelli), sarà possibile vedere dal vivo la speciale “meeting room” realizzata per accelerare le discussioni e i processi decisionali, che troppo spesso vengono inutilmente elaborati durante le riunioni. Quindici minuti è il tempo massimo (scandito da un timer), in uno spazio angusto e privo di distrazioni, che costringe il gruppo di ospiti ad arrivare dritti al punto. Il risultato finale? Più libertà e più tempo per godersi la vita. Un ulteriore benefit concesso a coloro che lavorano in Diesel, una realtà che continua a portare avanti il suo atteggiamento progressista verso un efficiente equilibrio tra lavoro e vita privata, sposando in pieno il mantra che da sempre li rappresenta “For Successfull Living”. 

Capsule sarà costruita come un vero e proprio set all’interno del “Wired Next Fest Village”, in cui i visitatori potranno creare contenuti video che saranno pubblicati durante il Festival. Diesel, inoltre, inviterà altri ospiti – tramite LinkedIn, dipartimenti delle risorse umane e altre aziende, per suggerire altri modi creativi per ridurre la durata delle riunioni.

Fonte: APCOM

DenimModa - AltroCreazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER