Deus ex Machina affida la distribuzione in Italia a WP Lavori in Corso

Il mondo dei biker di Deus ex Machina sbarca al salone fiorentino Pitti Uomo 93 con la collezione di abbigliamento e accessori per l'A/I 2018-19, che sarà distribuita in Italia in esclusiva da WP Lavori in Corso, società bolognese che controlla, tra gli altri, il marchio Woolrich e che, negli anni, ha sviluppato un modello commerciale basato sulla distribuzione di brand emergenti a livello internazionale. Filippo Bassoli, che si occupa del marketing del brand a livello globale, ha rivelato a FashionNetwork.com le novità per il 2018 che riguardano l’etichetta australiana.

Il “Tempio dell’entusiasmo” milanese di Deus ex Machina - www.deuscustoms.com

“Al momento siamo presenti con 5 spazi a gestione diretta: in ordine di apertura, a Sydney, Bali, Los Angeles (nel quartiere di Venice Beach), Milano (in via Thaon di Revel 3, all’interno del primo “moto quartiere” italiano) e Tokyo. Nei prossimi 12 mesi”, ha continuato Bassoli, “abbiamo in cantiere altri 3 opening: due in Nord Europa, di cui uno sicuramente ad Amsterdam e l’altro in Francia, in una località ancora da definire; il terzo sorgerà probabilmente o nella East Coast americana o in Africa”.
 
Deus Ex Machina nasce come un’officina creativa, conosciuta come “custumizzatore delle moto più belle”, ma focalizzata anche sul mondo delle biciclette e del surf, che insieme rappresentano le tre passioni del brand. “La linea di abbigliamento, che da sempre accompagna l’offerta commerciale del marchio, si ispira nella grafica ai temi del nostro core business”, ha precisato Bassoli. “All’interno degli store ad insegna Deus Ex Machina - che il manager preferisce definire “Templi dell’entusiasmo” - il cliente può vivere un’esperienza immersiva del mondo del brand, con tanto di area cinema, ristorazione, barbiere, shop e negozio di biciclette con relativo meccanico”.
 
“Dal punto di vista dell’offerta”, ha continuato Bassoli, “Nei ‘Templi’ sono presenti collezioni per l’Uomo, la Donna e il Bambino. Tuttavia, nella grande distribuzione rimaniamo focalizzati sulla proposta maschile. Accessori come caschi, cappellini, zaini, borse servono per trasmettere l’immagine del marchio e il suo DNA”.
 
Il fatturato 2017 di Deus Ex Machina si aggira sui 35/40 milioni di euro, in crescita rispetto all'esercizio precedente. “Il 2018 sarà un anno cardine per l’azienda, essendo appena cambiata la compagine societaria: i fondatori australiani conserveranno la direzione creativa, mentre Federico Minoli ha assunto il ruolo di amministratore delegato e Alessandro Rossi si occuperà di finanza a livello globale”., ha concluso il manager.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Distribuzione