Damir Doma amplia l’offerta e si concede il Pitti Uomo

Damir Doma lascia le passerelle milanesi questa stagione, optando per una presentazione speciale a Firenze, in apertura dell’imprescindibile salone di moda maschile Pitti Uomo. La casa di moda dell’omonimo stilista, che da un anno sfila a Milano con uno show misto nel corso della Settimana della Moda maschile, cambia infatti format per mettere in risalto la nuova collezione che firma con Lotto, la quale sarà presentata in quell’occasione.

Uno dei 22 outfit femminili presentati in settembre con la collezione "Addition" per l'estate 2018 - Damir Doma

La collaborazione tra il designer trentenne d’origine croata e il marchio italiano di articoli sportivi è iniziata la scorsa stagione con una collezione completa per la primavera-estate 2018 per uomo e donna di 28 pezzi, fra t-shirt, canottiere, felpe, giacche impermeabili, tute e scarpe da ginnastica. I vari modelli erano stati inseriti nel défilé di Damir Doma di giugno a Milano.
 
Per questa seconda edizione di “Damir Doma x Lotto”, dedicata all’autunno-inverno 2018/19, lo stilista, che ha già partecipato al Pitti Uomo come invitato speciale nel giugno del 2013, ha rivisitato ancora una volta il guardaroba sportivo tuffandosi negli archivi di Lotto. Il risultato sarà svelato nel corso di un cocktail martedì 9 gennaio, all’interno del multimarca fiorentino “A Piedi Nudi Nel Parco” tramite un’installazione video, che sarà seguita da una serata al club Jaguar.
 
Ma questa non è l’unica novità per il marchio posseduto da Damir Doma e Jeremy Rocher, l’azionista di maggioranza. La stagione scorsa, questi ha anche firmato una collaborazione con Officine Creative, brand marchigiano di calzature, con sede a Montegranaro, per rafforzare la linea di scarpe del brand.
 
Inoltre, Damir Doma ha ampliato la linea femminile con un’ulteriore collezione denominata “Addition”, concepita per completare la collezione principale di prêt-à-porter Donna, che viene abitualmente presentata con il menswear in gennaio e giugno. Composta di 22 look per il giorno, realizzati in tessuti leggerissimi, la linea “Addition” permette al marchio di essere presente anche durante la Fashion Week femminile rinfrescando ed estendendo la sua offerta.
 
Questa riorganizzazione è stata resa possibile grazie alla strategia messa in atto nel 2015, al tempo del trasferimento di Damir Doma da Parigi a Milano. Lo stilista ne ha approfittato per ristrutturare la società, all’epoca interessata da problemi di liquidità. L’azienda oggi è guidata da Jeremy Rocher e dal co-CEO Gianluca Casile.

Un giubbotto di Lotto rivisitato da Damir Doma per l'estate 2018 - © PixelFormula

Quando si è trasferita a Milano, l'azienda ha ridotto l’ampiezza delle sue linee. In particolare ha fuso la collezione principale di prêt-à-porter di Damir Doma con la seconda linea, “Silent”. Il marchio ha come competitor diretti nomi del calibro di Dries Van Noten, Haider Ackermann, Rick Owens e Raf Simons.
 
“Venire in Italia è stata una buona decisione. La società oggi è più sana”, spiega lo stilista a Fashionnetwork.com. “A Parigi c’erano tutti i miei principali concorrenti. Venendo in Italia ho potuto davvero far crescere la produzione. In effetti, qui è tutto più facile, perché siamo sul posto, là dove si trovano i nostri fornitori, fra Brescia e Torino”.
 
Anche il fatto di presentare il menswear e la Donna nello stesso momento, nel corso di un solo show all'inizio della stagione durante la Settimana della Moda maschile, si è rivelato un fatto positivo. “In settembre eravamo sempre in ritardo. Certo, abbiamo perduto alcuni clienti che non vengono a Milano per la Fashion Week maschile, ma nell’insieme ci abbiamo guadagnato”, conclude Damir Doma.
 
Il marchio è oggi distribuito in circa 140 clienti multimarca, ha chiuso il negozio di Parigi ma ha in previsione di aprire un punto vendita a Shanghai nel 2018.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - ScarpeSportDistribuzioneEventiCollezione