Costume National riparte con Koji Udo e Yasutoshi Ezumi alla direzione artistica

Costume National scrive un nuovo, inedito capitolo della sua storia. Il marchio fondato nel 1986 dallo stilista Ennio Capasa e da suo fratello Carlo dà il via al proprio rilancio sotto l’egida del suo nuovo proprietario Sequedge. Dopo un anno di transizione, nel quale il brand ha continuato ad essere venduto solamente in Giappone e a Hong Kong, CN riprende il volo con due nuovi stilisti: Koji Udo per l’uomo e Yasutoshi Ezumi per la donna.

Koji Udo - amazonfashionweektokyo.com

“Ennio Capasa era molto legato al Giappone, visto che ha lavorato con Yohji Yamamoto. Aveva una doppia sensibilità, italiana e giapponese. Così abbiamo anche cercato tra gli stilisti italiani, ma alla fine abbiamo preso dei desigenr giapponesi, in modo che possano introdurre un tocco di modernità al marchio, i cui archivi coprono 30 anni”, spiega a Fashionnetwork.com la società CN Japan, che controlla il brand dal 2016.
 
Costume National, che per molto tempo ha sfilato a Parigi prima di tornare a Milano, aveva attraversato delle difficoltà in questi ultimi anni, vedendo il fatturato scendere addirittura fino a 6 milioni di euro nel 2015. La situazione critica aveva spinto i fratelli Capasa a cedere la società al loro partner nipponico, il fondo Sequedge, che era entrato nel capitale di Costume National nel 2009 con una quota del 17%. Dopo l’acquisto, avvenuto nel marzo del 2016, quest’ultimo ha chiuso le boutique di Roma, Milano e New York, per concentrarsi sul mercato giapponese.
 
Koji Udo e Yasutoshi Ezumi hanno già firmato una prima collezione, quella dell’autunno-inverno 2017/18, che sarà venduta esclusivamente nei tre negozi monomarca in proprio di Costume National in Giappone e in quello di Hong Kong. L’idea è di cominciare con una distribuzione all’ingrosso a partire dalla primavera-estate 2018 e, a medio o lungo termine, a seconda delle condizioni del mercato, di riaprire delle boutique in Italia.
 
“Udo ha una forte personalità. Ha un rispetto enorme per Costume National, e dovrebbe apportare al marchio quello stile giapponese dalla grande indossabilità che già propone nel suo brand Factotum. Ezumi, invece, ha uno stile più europeo, in quanto ha studiato in Inghilterra. Egli presenterà al contrario una visione più internazionale con un tocco giapponese, come fa con il suo marchio omonimo”, sottolinea la società.

Yasutoshi Ezumi - woolmarkprize.com

Nato nel 1971, Koji Udo si è diplomato alla scuola Tokyo Mode Gakuen, dove ha seguito un corso di "business", prima di iniziare la sua vita lavorativa come venditore presso il celebre concept store nipponico “Beams”. Dopo alcuni anni lascia il negozio per lanciarsi in proprio nella moda, creando nel 2004 l’etichetta maschile Factotum. Il marchio, che propone un guardaroba quotidiano informale con un tocco fashion, sfila a Tokyo, dove può contare su tanti fan.
 
Yasutoshi Ezumi è nato a Hiroshima nel 1981. Diplomatosi alla scuola londinese Central Saint Martins, debutta come assistente stilista di Alexander McQueen, e poi passa da Aquascutum, specializzandosi nella maglieria. Nel 2010 crea la propria label di prêt-à-porter Donna Yasutoshi Ezumi per sperimentare nuove forme, e sfila a Tokyo. È stato selezionato per il ‘Woolmark Prize’ 2016/17.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Nomine