Corona e Parley for the Oceans lanciano occhiali “green” per salvare isole da plastica

Corona e Parley for the Oceans rafforzano l’intesa a sostegno di iniziative di salvaguardia ambientale: dopo l’impegno assunto, lo scorso anno, a difesa di 100 isole dall’inquinamento marino da plastica entro il 2020, le due realtà hanno ideato una piattaforma di raccolta fondi, Clean Waves, finalizzata ad incentivare l’uso di materiali ecologici nella moda e nel design industriale.

I 3 modelli di occhiali in vendita dal prossimo primo giugno su Net-A-Porter

Il primo step di questo nuovo progetto prevede il lancio di una capsule di occhiali da sole realizzata in “Ocean Plastic”, ovvero rifiuti di plastica di basso livello rinvenuti nelle comunità costiere, nelle spiagge, sottacqua e in alto mare.
 
I modelli, per il momento 3 collegati ad alcune isole degli arcipelaghi di Bali, Maldive e Palau, saranno messi in prevendita esclusiva sul marketplace Net-A-Porter a partire dal prossimo 1° giugno, con una fascia prezzo tra i 245 e i 265 euro l’uno, e permetteranno ai consumatori di contribuire alla protezione di alcune isole dall’inquinamento dovuto ai detriti plastici. Parley e Corona hanno inoltre annunciato che si impegneranno ad ampliare il loro raggio d’azione per ogni 100 paia di occhiali venduti.
 
Clean Waves contribuisce a sviluppare metodi di riciclo creativo dell’intera gamma di plastiche, potendo attenzione non solo ai metodi di trasformazione delle plastiche più note, tra cui PET, Nylon 6 e HDPE, ma anche a quelli delle plastiche di minor valore e spesso ignorate come il polipropilene (PP), con l’intento di utilizzarli per i prodotti di consumo di fascia alta, a partire dagli accessori della moda. Proprio in questa direzione si inseriscono le recenti collaborazioni con influenti creativi dell’industria della moda come Anja Rubik, M.I.A. e Inez e Vinoodh.

Un esempio del processo di riciclo - cleanwaves.com
 
La strategia adottata da Corona e Parley segue 3 parole chiave: evitare, intercettare, riprogettare. Con circa 8 milioni di tonnellate di plastica scaricati nell’oceano ogni anno, la sola raccolta si rivela una pratica insufficiente: si è passati così ad un’analisi approfondita delle complesse tipologie, fonti e percorsi del materiale raccolto.

Iniziata nel maggio del 2017, la collaborazione tra le due realtà ha già dato i primi frutti: oltre 25 isole nelle Maldive sono ora sotto protezione ed altre lo saranno a breve, in Australia, Cile, Repubblica Dominicana e Indonesia.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroInnovazioneCollezione