Cavalli esternalizza magazzino e cambia sede

Due ore di sciopero, oggi, alla casa di moda Roberto Cavalli di Firenze dopo che i sindacati CGIL e CISL, incontrando la direzione, hanno ricevuto la comunicazione di voler esternalizzare il magazzino entro il 30 giugno e di trasferirsi dall'attuale sede nella zona industriale di Osmannoro (dove lavorano 240 addetti) a una nel centro storico di Firenze entro l'anno. Per i nove operai che lavorano nel magazzino, riferiscono i sindacati, l'azienda ha detto di avere già l'accordo con due ditte che prenderanno l'appalto affinché tutti siano riassunti.

Roberto Cavalli

Sono "due fulmini a ciel sereno, due comunicazioni che avvengono a cose fatte, senza coinvolgere il sindacato", riporta una nota firmata da Monica Biagiotti (Filctem CGIL Firenze) e Mirko Zacchei (Femca CISL Firenze), "un metodo che stigmatizziamo. Non a caso i lavoratori, in assemblea, hanno deciso per uno sciopero, il blocco degli straordinari e delle flessibilità".

"Circa l'esternalizzazione del magazzino, siamo nettamente contrari alla scelta, che arriva dopo l'esternalizzazione del reparto stamperia e dopo circa 90 licenziamenti negli ultimi due anni”, hanno concluso. “Diciamo no a qualsiasi spacchettamento dell'azienda. Sul trasferimento della sede, chiediamo all'azienda coinvolgimento sul se, sul come e sul quando".

Copyright © 2018 ANSA. All rights reserved.

Lusso - AltroDistribuzione