Cannes: Philipp Plein vi dà il benvenuto in Costa Azzurra

Una bella dose di “frock'n'roll” per la presentazione a Cannes delle collezioni Resort 2018 (per uomo e donna) di Philipp Plein. L’evento si è svolto mercoledì sera nella villa dello stilista tedesco, arroccata sulle colline della città francese.

Philipp Plein: collezione Resort 2018 a Cannes - Archiv

Ai lati della passerella, una Paris Hilton teatrale in un elegante abito nero e appollaiata su stivali neri alti allacciati – un po’ come Morticia Adams che visita la Costa Azzurra. A braccetto con lei, il suo ragazzo Chris Zylka in una giacca di coccodrillo bianca adornata di un teschio rosa sul retro.
 
La grande idea di questa prima Cruise Collection – che ha fatto buon uso di Alec Monopoly – è di dipingere con lo spray i vestiti dei modelli mentre avanzano lungo la passerella, probabilmente una prima volta nel mondo della moda. E il catwalk – naturalmente un tappeto rosso – ne ha portato i segni.
 
Si è anche potuto riconoscere l’artista di graffiti statunitense conosciuto per il personaggio “Monopoly Man”, con una t-shirt da rapper sovradimensionata. A quanto pare il personaggio è ispirato al famoso broker decaduto Bernard Madoff. E tenuto conto del gran numero di milionari discutibili che hanno gravitato attorno al Festival in questi giorni, questo è quasi un visionario…

In prima fila, Eva Longoria indossava un’abito pieno di energia di Klein, accompagnato da un enorme braccialetto di diamanti di Damiani e da scintillanti orecchini a stalattite. Al suo fianco, Pepe Baston, il suo affascinante marito, anche lui vestito con un completo pied-de-poule.
 
Risultato finale: una sfilata e dei vestiti pieni di potenza, con un abito da ballo molto floreale, dei parka kaki dai motivi paillettati, i classici teschi di strass dello stilista, e ancora dei jeans a zampa d’elefante, molto funky. Per quanto riguarda gli uomini, dei jeans neri a vita bassa, o tute decorate da dollari, indossate con giubbotti di pelle bianca.

Philipp Plein: collezione Resort 2018 a Cannes - Archiv

“Come ho potuto lasciare entrare tutti questi pazzi in casa mia? Siamo a Cannes per una buona ragione. Il tempo è magnifico e abbiamo il Festival con tante persone celebri, belle e interessanti in città. Dunque, non posso che dire: che i giochi abbiano inizio!”, ha dichiarato Philipp Plein mentre camminava nel suo giardino, dov’era organizzato il défilé.
 
Cio detto, Philipp Plein non è così originale: non c’è bisogno di essere un esperto di moda per accorgersi che Alessandro Michele di Gucci abbia fatto ricorso a un altro artista graffitaro di New York (“Gucci Ghost”) per realizzare qualcosa di molto simile. I motivi a fiori di Philipp Plein ricordano Dolce & Gabbana e i suoi jeans ricamati, DSquared2. 
 
Una cosa è sicura, non si può negare l’energia dello stilista. E nell’insieme i suoi vestiti condividono tutti uno stile che senza dubbio porta la sua firma. Una bella prova insomma per il designer amburghese.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter SfilateCollezione