Calzaturiero: segnali di rallentamento anche nell'export

Nella prima metà del 2018 il settore calzaturiero italiano, dopo confortanti indicazioni di recupero a consuntivo 2017, ha evidenziato alcuni segnali di rallentamento, a cominciare dalle esportazioni, da sempre il traino del settore, rinviando ulteriormente la ripresa. Le aspettative degli imprenditori per il secondo semestre sono improntate alla prudenza.

Annarita Pilotti, Presidente di Assocalzaturifici
 
La produzione mostra un calo tendenziale dell'1,2% in volume, mentre della stessa percentuale è previsto l'incremento dei valori. Nei primi sei mesi di quest'anno sono rimasti stagnanti (-1%) i consumi sul mercato interno e si registra l'ennesimo saldo negativo nel numero di imprese attive (-81) ed addetti (-598).
 
Questa la fotografia del settore calzaturiero che emerge dai dati elaborati da Confindustria Moda e resi noti oggi in occasione della presentazione della prossima edizione di Micam, la rassegna internazionale delle calzature in programma alla Fiera di Milano dal 16 al 19 settembre.
 
"La ripresa del settore non si è materializzata. Apriamo l'86ma edizione di MICAM in un clima purtroppo ancora caratterizzato da una congiuntura poco premiante", ha dichiarato Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici.
 
Per quanto riguarda l'export delle calzature Made in Italy, nei primi cinque mesi di quest'anno, migliora in valore (+3,2%), ma perde lievemente in quantità di paia di scarpe esportate (-1,7%). In particolare si segnalano criticità su diversi importanti mercati, primi fra tutti quelli dell'area CSI (Russia soprattutto) che, dopo la promettente ripartenza del 2017, hanno subìto una nuova battuta d'arresto.
 
Complessivamente sono stati venduti all'estero, includendo le operazioni di pura commercializzazione, 92,2 milioni di paia (1,6 milioni in meno su gennaio-maggio 2017), per 3,89 miliardi di euro. Le indicazioni che pervengono dal portafoglio ordini delle aziende interpellate, riferito al trimestre aprile-giugno 2018, registrano in media una stazionarietà nella raccolta complessiva (+0,1% in volume), con un andamento ancora inferiore alle attese sul fronte interno (-2,1%) e un modesto +0,6% sui mercati esteri.

Copyright © 2018 ANSA. All rights reserved.

Moda - ScarpeIndustry
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER