BolognaFiere: 2017 a 126 mln, export al 26%

BolognaFiere ha chiuso il 2017 con un fatturato di 126 milioni di euro, in flessione del -4,8% rispetto al 2016, anno in cui ci sono state più manifestazioni a cadenza biennale, ma in crescita del 19% rispetto al 2015.

 
L’estero continua a crescere, con un giro d’affari di 35 milioni di euro, pari al 26% del totale. Lo scorso anno, su 80 eventi complessivi, 8 si sono svolti all’estero (Russia, Asia, Nord America e Medio Oriente); numero destinato a salire a 14 nel 2018, con l’apertura a Sud America e Africa tra quest’anno e il 2019.
 
L’Ebitda si è attestato a 24,9 milioni di euro, in aumento del 17,4% rispetto ai 21,2 milioni di euro del 2016, con un’incidenza sul fatturato di oltre il 19,8%. L’Ebit è stato pari a 10,1 milioni di euro, in crescita di circa il 52% rispetto al 2016. La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2017 era a 18,6 milioni di euro, con un’incidenza sull’Ebitda di Gruppo pari a 0,7 volte.
 
“Il gruppo oggi è il secondo player nazionale e tra i primi 10 a livello europeo, realizza oltre un quarto del proprio fatturato all’estero, grazie anche alla capacità di ampliamento delle attività organizzative oltre confine attraverso partnership con operatori internazionali”, ha dichiarato Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere. “Stiamo facendo investimenti importanti con l’obiettivo di adeguare sempre di più il gruppo a benchmark di successo internazionali, sia dal punto di vista infrastrutturale che dello sviluppo commerciale. Non solo, quindi, ampliamento e restyling del quartiere, ma anche acquisizioni come la recente operazione GiPlanet, che ha portato il Gruppo BolognaFiere a essere il primo operatore italiano nel settore degli allestimenti fieristici”.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Saloni / fiereBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER