Barba, tutti gli stili di tendenza

Folta foltissima, disegnata, accennata, di tre giorni o di tre settimana, la barba vive una grande rinascita in Europa, ma a ben guardare è una caratteristica fisica che unisce tutti i popoli del mondo.

Ansa

Da secoli e secoli simbolo, in molte civiltà, di grande importanza sociale, ancora oggi la barba è portata con orgoglio da molti uomini. Il primo sabato di settembre si festeggia la Giornata Mondiale della barba, del resto anche i Vichinghi danesi dedicavano un giorno o anche più di uno all’anno alla glorificazione delle loro barbe, simbolo di estrema importanza e virilità.

Come scriveva Umberto Eco, la barba è una maschera. È stata indice di saggezza nell’antichità, tanto da ispirare il proverbio romano "vedo il mantello e la barba, ma non il filosofo". Ma la barba è soprattutto trasformista: è stata oligarchica prima e Sessantottina poi, hippie ed infine hipster, cavalcando le note della storia e ritrovando sempre la sua personalità, il suo modo di essere espressa.

Nella storia la barba ha avuto significati diversi, ma ha sempre indicato potere e autorevolezza. Lo stesso Shakespeare fa dire a un suo personaggio: "chi ha la barba è più che un giovane e chi non ha la barba è meno che un uomo".

Stefano Terzuolo, Fondatore di GUM in collaborazione con Braun, interpreta le principali tendenze in fatto di styling:

Look Lumberjack, con barba più o meno curata, non tramonta, ma si trasforma. La barba lunga ma curata ha fatto il suo tempo, c'è chi ha cominciato a esagerare con lo stile hipster e adesso sembrano tutti un po' stufi.

Questo tipo di barba è estremamente versatile, uno stile che si addice un po’ a tutte le forme del viso. Ciò che è importante è creare la giusta sagoma seguendo la propria crescita ed il tipo di barba di ognuno. Anche il mantenimento è molto facile, si può lasciar crescere per circa 3 settimane e poi ripetere il procedimento.

Come fare? “L’ideale sarebbe farsi crescere la barba per un po’ (almeno un mese circa) e tenerla curata sfumando basette/guance, baffi e collo utilizzando la testina da 9mm fino ad arrivare a 11mm in prossimità del mento. Per “pulire” i baffi utilizzare la stessa testina così da mantenere omogeneo e ordinato il tutto”, afferma Terzuolo.

La barba di tre giorni non è da tempo prova di pigrizia, ma scelta dignitosa, anzi la scelta migliore per chi vuole sentirsi in ordine ma con un look apparentemente casual ed un pochino rough.

Come fare? “Basta creare la giusta sagoma seguendo la crescita della barba. Mentre per mantenerla basta regolarla appena prima che sia troppo lunga (circa 3/5 mm). Bisogna prima pulire bene le guance e modellare con il pettine fisso il baffo e la sagoma della barba. Anche le basette devono essere tenute in ordine e non troppo lunghe”, secondo Terzuolo.

Il baffo, semplice da realizzare, ma capace di fare la differenza, è un evergreen che non va mai fuori moda, con cui sbizzarrirsi dato che è adatto a qualsiasi tipo di volto.

Come fare? “Consiglio di lasciar crescere la barba per almeno un mese. Poi procedere con il device e pulire con cura guance e mento. Bisogna poi effettuare una lieve regolazione dei baffi con la testina da 9 a 11 mm per pulire i bordi, senza però eccedere per riuscire a mantenere un look naturale. Utile anche l’uso di una cera per mantenerli in ordine, soprattutto per chi li ha crespi”, conclude Stefano Terzuolo.

Copyright © 2018 ANSA. All rights reserved.

EsteticaPeople
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER