Aeffe: semestre in decisa crescita, fiducia si estende anche a 2019

Aeffe chiude il primo semestre con un EBITDA in crescita del 35% a 21 milioni su 171,1 milioni di ricavi, aumentati del 15% a cambi costanti e del 14% a cambi correnti.

Facebook/Alberta Ferretti

L’utile netto è salito del 79% a 8,3 milioni. L’indebitamento finanziario è sceso a 40,9 milioni dai 50,6 milioni di fine 2017. 

Nella nota del gruppo di moda, che conta tra i suoi marchi Alberta Ferretti, Moschino e Pollini, si parla di ottimismo per il 2018 e di fiducia anche per il 2019, “alla luce della raccolta ordini delle pre-collezioni della stagione PE 2019”. 

Nel primo semestre, le vendite in Italia, pari al 47% del fatturato consolidato, hanno registrato una crescita del 12,7%, in Russia (3% del fatturato) sono aumentate del 13,9%, +13,4 il resto d’Europa a cambi costanti. Gli Stati Uniti (5% del fatturato) sono cresciuti dell’1,6% a cambi costanti, nel Resto del Mondo (23% del fatturato) i ricavi sono aumentati del 26% a cambi costanti. 

I ricavi della divisione prêt-à-porter sono pari a 131,7 milioni (+13,2%), quelli della divisione calzature e pelletteria hanno segnato un aumento del 15,4% a 58,1 milioni. 

In un mercato leggermente positivo, Aeffe sale intorno alle 12,10 del 3,33% con una decisa accelerazione dopo la diffusione del comunicato.

© Thomson Reuters 2018 All rights reserved.

Lusso - AltroBusiness