Aeffe a gonfie vele nei 9 mesi, utile a +144%

Aeffe SpA, società attiva nel settore del lusso che opera nel segmento del prêt-à-porter, delle calzature e della pelletteria, ha riportato nei primi 9 mesi del 2017 ricavi consolidati pari a 235 milioni di euro, in crescita del 10% a tassi di cambio costanti rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente.

La collezione PE 2018 di Philosophy di Lorenzo Serafini, marchio di proprietà di Aeffe - Instagram/Philosophy di Lorenzo Serafini

Significativa la crescita dell’EBITDA del gruppo che segna un +43% rispetto ai 21,3 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016, raggiungendo quota 30,4 milioni di euro. Balzo in avanti dell’utile d’esercizio che tocca quota 11,9 milioni di euro, +144% rispetto all’utile registrato nei nove mesi dell’anno precedente.
 
“La progressione della redditività, dovuta anche ad una raccolta ordini Primavera/Estate 2018 che ha registrato una crescita del 15%, ci fa ben sperare per il futuro. È stata premiata la nostra strategia di lungo termine volta al rafforzamento della distintività dei nostri brand”, ha commentato Massimo Ferretti, Presidente Esecutivo di Aeffe.
 
La ripartizione geografica del fatturato vede in testa l’Italia, che rappresenta il 49,3% delle vendite consolidate realizzate nei primi 9 mesi del 2017, circa 116 milioni di euro, in crescita del 20,8% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio fiscale. Aumentano le vendite in Europa (Italia e Russia escluse), con una progressione del 5,8% e un’incidenza sul fatturato del 20,8%. Calano invece Russia e Stati Uniti, che hanno riportato una contrazione delle vendite rispettivamente del 3% e del 13,4%.
 
Nel resto del mondo, il gruppo ha conseguito ricavi per 48,2 milioni di euro, con un’incidenza sul fatturato del 20,5%, in aumento del 3,8% rispetto ai primi nove mesi del 2016, grazie soprattutto all’ottimo andamento dell’area della Greater China, cresciuta del 16%.
 
A livello di canale distributivo, la divisione wholesale, che rappresenta il 70% del fatturato, ha registrato una crescita del 7,5%. Il retail, che rappresenta il 26,9% delle vendite del gruppo, ha riportato un incremento del 18,4%. I ricavi per royalties sono diminuiti dello 0,4% rispetto ai primi nove mesi del 2016 e rappresentano il 3,1% del fatturato consolidato.
 
Aeffe SpA, che controlla noti marchi della moda, tra cui Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Moschino, Pollini, Jeremy Scott e Cédric Charlier, vanta un patrimonio netto di 146,9 milioni di euro. L’indebitamento finanziario del gruppo è calato di 11,5 milioni di euro a 66,1 milioni di euro, rispetto ai 77,6 milioni registrati al 30 settembre 2016.

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter Lusso - AccessoriLusso - ScarpeBusiness