Aalto sfilerà in giugno a Milano con la pre-collezione

La Fashion Week maschile di Milano si apre sempre di più alla donna, e nella prossima edizione di giugno accoglierà il marchio parigino di prêt-à-porter Aalto, lanciato nel 2014 dallo stilista finlandese Tuomas Merikoski. L’etichetta femminile, conosciuta per la sua eleganza nordica contemporanea, vi sfilerà per la prima volta con la pre-collezione. Lo show è in programma il 18 giugno alle 15, in Via Savona.

L'ultima sfilata di Aalto a Parigi per l'Autunno-Inverno 2018/19 - © PixelFormula

“Per i marchi di moda, una gran parte del business si concentra sulle pre-collezioni. Noi realizziamo quasi il 70% delle vendite in quel momento. Il tutto viene solitamente realizzato attraverso lo showroom e un lookbook che rappresenta parzialmente la collezione, con una visibilità che alla fine resta piuttosto limitata. Ora, avere una copertura della stampa in questa occasione è importante, soprattutto per i dettaglianti”, ci spiega Valeria Martelli, che cura sin dall’inizio la direzione commerciale e la gestione della casa di moda.
 
Altra osservazione: “Oggi i clienti si aspettano di vedere nella pre-collezione altrettanta creatività rispetto a quella della linea principale. Di fatto si tratta di due vere linee, la prima è la collezione primaverile e la seconda quella dell’estate”. Ma a parte la Settimana dell’Alta Moda, non c'è realmente una nicchia a disposizione per posizionarsi a monte del calendario tradizionale.
 
Per Aalto, che sfila da settembre 2015 alla Settimana della Moda Donna di Parigi, si è presentata l’opportunità di Milano. Il marchio è molto legato a questa città, perché vi ha già presentato le collezioni in occasione del salone White, e all’Italia in generale, dove si rifornisce presso dei produttori di tessuti. In più, intende svilupparsi ulteriormente proprio sul mercato italiano, dove per il momento è distribuito in 8 negozi, tra i quali Antonioli a Milano e Guia a Firenze.
 
Nell’attuale panorama delle Fashion Week, in piena evoluzione, la piazza milanese appare al marchio come quella “più sperimentale, la meno rigida”, spinta anche dalla sua volontà di riportare a galla una Settimana maschile in declino, colpita da molte defezioni legate alla riorganizzazione delle case di moda attorno a sfilate miste uniche.
 
Infatti, il capoluogo lombardo ospiterà in giugno altre label femminili, come Stella McCartney, che presenterà, tramite un evento speciale, la propria linea maschile, ma anche la collezione primavera-estate 2019, e ancora Alberta Ferretti, con un doppio défilé dedicato alla cruise collection e alla linea di semi-couture Limited Edition.
 
E poi, come sottolinea Valeria Martelli, “la Camera della Moda Italiana ci mette a disposizione delle condizioni che altrove non avremmo potuto avere”. L’occasione ideale per veder puntati i riflettori su Aalto in un momento cruciale per le vendite.
 
Il marchio, che impiega 6 persone, continua il proprio percorso impeccabile con una crescita annuale del 20%. Il brand vanta una diffusione in 120 negozi multimarca nel mondo, e realizza il 60-65% delle vendite in Asia. Il suo primo mercato è il Giappone, seguito dalla Cina, dalla Corea del Sud e dalla Francia, dove si può trovare, tra gli altri, al Bon Marché, alle Galeries Lafayette, presso L’Eclaireur e da Tom Greyhound.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Sfilate